Condividi su Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter

Distributori latte fresco: CIA chiede la deroga per i nuovi adempimenti


La legge 1° dicembre 2016 n. 225 ha introdotto l’obbligo della memorizzazione e della trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri ( incassi) a carico dei soggetti che effettuano cessioni o prestazioni di servizi tramite distributori automatici. Fra questi rientrano i distributori automatici di latte fresco di cui si sono dotati molti piccoli produttori di latte. Si tratta spesso di imprenditori agricoli con volumi d’affari contenuti che nella maggior parte dei casi operano in aree montane o svantaggiate e che comunicano all’Agenzia delle Entrate - attraverso il registro dei corrispettivi - le operazioni effettuate in ciascun giorno relativamente all’ammontare globale delle operazioni imponibili e delle relative imposte. Molti dei distributori non sono in grado di essere adeguati alla normativa prevista, costringendo i produttori a rilevare manualmente i dati derivanti dalle vendite. Si determina così un nuovo adempimento e quindi nuovi costi per trasmettere all’Amministrazione Finanziaria dati già in possesso degli Uffici.
“Si tratta di un appesantimento burocratico e di costi sproporzionato – dichiara Cia Liguria –.  Bene ha fatto la Confederazione a scrivere al Direttore della Agenzia delle Entrate chiedendo la esclusione dei distributori di latte da questo obbligo. Per quanto ci riguarda chiederemo anche alle istituzioni locali il sostegno della nostra richiesta”.




CIA LIGURIA VIA COLOMBO 15/5- 16121 GENOVA- TEL 010.5705633 FAX 010.5702604 CF 80044410100  -  Informativa sui cookie