Condividi su Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter

A Vinitaly il Pigato Braie dell'azienda agricola Durin inserito nella guida "5 Stars Wines"


La Cantina Durin di Ortovero porta a casa da Vinitaly un altro riconoscimento. Infatti, dopo la Gran Menzione ricevuta nell'edizione 2015, quest'anno è stato il Pigato 2018 "Braie" ad essere premiato: inserito nella guida internazionale "5 Stars Wines The Book" che raccoglie tutti i vini che hanno raggiunto un punteggio uguale o superiore a 90/100, selezionati da esperti di fama mondiale. 
 
"Siamo soddisfatti, anche se un po' di rammarico c'è: - commenta Antonio Basso, titolare dell'azienda agricola Durin assieme alla moglie Laura - siamo gli unici della riviera di ponente. Da Genova a Ventimiglia non hanno premiato nessun altro. E' un peccato per il vino delle nostre terre".
 
Il Pigato "Braie" si chiama così per la zona in cui è piantato, dove non c'è acqua e quindi possibilità di bagnare, per questo negli anni passati si era scelto di fare tutte viti. 
"Era impossibile fare orti, l'unica cosa che sopravviveva in questa zona era il selvatico di Pigato, fatto con l'innesto Rupestris Du Lot" spiega Basso.
 
Raggiungere il riconoscimento non è stato facile: prima si sono superate le selezioni con l'esame visivo, olfattivo e poi l'assaggio. Ricevere almeno 90 punti su 100 apriva le porte della finale con il Comitato Scientifico dei General Chairmen come giuria. 
 
La particolarità del Pigato di Durin è nella vinificazione: "La macerazione è fatta a freddo - dice ancora Antonio - l'uva viene diraspata e lasciata dieci giorni con le bucce, abbassando la temperatura, per mezzo di un frigo, fino a 0 gradi. Questo permette di estrarre tutti gli aromi che sono contenuti nelle bucce che vanno poi a finire nel succo. Successivamente si fermenta, lentamente, senza superare i 16 gradi. Con questa lavorazione il vino rimane molto fruttato e floreale, come deve essere". 



CIA LIGURIA VIA COLOMBO 15/5- 16121 GENOVA- TEL 010.5705633 FAX 010.5702604 CF 80044410100  -  Informativa sui cookie